Feed RSS

Archivi tag: Conoscere Cile

San Pedro di Atacama e il deserto di sale. Parte 1/2

Durante questa festa patria abbiamo approfittato per farci una piccola vacanza. L’11 Settembre abbiamo preso un aereo da Santiago con direzione Calama. Il viaggio é durato approx. 2 ore. Calama si trova nella regione di Antofagasta al nord del Cile e la distanza da Santiago é di 1.670 km.

Calama non la consiglio a nessuno, é la cittá piú brutta che abbia visto in molti anni, in questa regione ci sono un sacco di miniere di rame cosí la maggior parte dei lavoratori vivono in Calama. Comunque non mi soffermo perché Calama é solo lo scalo per continuare il nostro viaggio verso San Pedro di Atacama. Con  un autobus e circa 1.30h. si arriva al piccolo paese in mezzo del deserto piú arido del mondo.

Abbiamo alloggiato in una pensione a 5 minuti dal “centro” dove abbiamo conosciuto un sacco di persone da tutto il mondo. La pensione era delle piú economiche, essendo San Pedro molto cool i prezzi saltano alle stelle. Ma come sempre chi cerca trova.

I primi giorni abbiamo ispezionato San Pedro, girando tra le poche vie principali e visitando la chiesa. É pieno di agenzie che ti offrono tour tra le meraviglie naturali che esistono nelle vicinanze, artigianato locale e non (i souvenir provenienti direttamenti dalla Bolivia e dal Perú ci sono sempre) e posti dove mangiare piatti tipici. La gente del nord non é troppo amichevole (a differenza di quelli del sud) e hanno una caratteristica altiplanica molto marcata.

Se si viene a San Pedro non si puó non fare i tour obbligatori. Quindi iniziamo:

Prima escursione, 16:00-20:00

– Laguna Cejar, Ojos del Salar e la Laguna Tebenquinche

La Laguna Cejar si trova dentro del Salare di Atacama, il colore dell’acqua é molto particolare, un azzurro turquese  ed é circondata da puro sale. Vista l’ altissima concentrazione di sale e di litio (5 volte piú alta del Mare Morto) si puó galleggiare. É un’esperienza unica ed é molto divertente. L’acqua é abbastanza gelata peró l’emozione di galleggiare senza fare nessuno sforzo é da non perdere!!! All’uscire dall’acqua si é tutti duri ed il corpo é ovviamente bianco dovuto alla quantitá di sale. Ma il tour provvede con litri di acqua per potersi sciaquare.

Si continua il percorso a bordo di un piccolo autobus verso due pozze d’acqua dolce che si chiamano “Ojos del Salar” gli occhi del Salare, per la loro forma perfettamente rotonda (saranno stati gli extraterrestri a disegnarli cosí perfetti??). Comunque si dice che esistano per la caduta di due meteoriti negli anni 40. Ci si puó fare il bagno, io non mi ci sono messa l’acqua era troppo congelata e in piú c’era un gran vento.

Si termina il tour nella Laguna Tebinquiche, dove lo spettacolo é lunare dovuto dalla cristallizzazione del sale e dagli incredibili colori del tramonto. Il bianco del sale, l’azzurro della laguna e le tonalitá del marrone/nocciola delle montagne é senzazionale, sembra una grande tavolozza piena di colori, pronti per l’uso. Il tour termina con un piccolo aperitivo.

Seconda escursione, 16:00-20:00

– Valle della Luna e Valle della Morte

Dal momento che si arriva a San Pedro le labbra s’iniziano a rompere, le pelle a farsi piú secca ma é ovvio considerando che siamo nella parte piú arida di tutto il mondo!!

A solo 17 km dal centro di San Pedro entriamo nella zona della cordigliera della sale, un’area molto interessante che grazie alle innondazioni e ai venti di milioni di anni si sono formate delle pietre salate che danno una serie di colori e texture al deserto molto particolari.

Nella valle della Morte abbiamo fatto una camminata di circa 1h. tra dune e paesaggi incredibili!! Un paesaggio lunare come pochi. In questa zona ci sono un sacco di dune di sabbia alte metri dove i giovani sportivi si possono dedicare al sandboard.

Ci sono ancora due tour da raccontare che per me sono stati i migliori. Ma questo in un secondo post…
Ho aperto un flickr, metteró tutte le foto dei miei viaggi per Cile. Per il momento ecco l’album di San Pedro di Atacama.

Perché vivere in Cile

In questi tempi trovare un posto dove poter dire che si vive bene é difficile, ma non impossibile. Con tutto quello che sta passando in Europa l’idea di emigrare lontano é l’idea di molti. Chi per trovare un lavoro o chi semplicemente per trovare un pó di tranquillitá.

Io ho trovato entrambe le cose in Cile. É divertente pensare che fino a un paio di anni fa non conoscevo assolutamente nulla di questo paese, a parte che é molto stretto e lungo, con il deserto piú arido del mondo e con Isabella Allende come scrittrice importante…(sí ho letto tutti i suoi libri)

Dopo aver vissuto molti anni in Spagna ed essere stata vittima della crisi sotto molti aspetti ci siamo decisi ad emigrare.

Il Deserto di Atacama

La rivista americana Newsweek nell’articolo i ‘Migliori paesi del mondo‘, consideró attualmente Cile come il migliore paese di tutto il Sud America attraverso uno studio che analizzó cinque variabili del benssere: salute, educazione, qualitá di vita, economia stabile e politica medioambientale. Purtroppo dobbiamo anche dire che Cile é il paese piú caro per vivere del Sud America. Se si pensa di venire qua con pochi soldi e fare la bella vita ci si sbaglia di grosso. Io ancora faccio il cambio con l’euro e devo dire che non é poi tanto differente. Ci sono cose molto piú economiche che fanno la differenza come l’affitto, peró la vita in generale é simile. Questo lo rende un paese stabile e con un’economia senza alti bassi.

Quest’economia tanto stabile viene dalla grossa risorsa del rame che é la terza parte di tutto il mondo, il rame é la principale fonte d’esportazione (piú del 40%).

Porto Natale nella Patagonia Cilena

Per concludere parliamo di alcuni dati importanti per capire quanto grande é Cile:

Cile nel mappa - Foto Wikipedia

Cile si trova nell’estremo sud occidentale dell’America del Sud, tra la cordigliera delle Ande e l’oceano Pacifico. L’enorme superfice (4.200 kilometri, in Europa sarebbe qualcosa come un viaggio da Lisbona a Mosca) fá che sia possibile trovare moltissimi paesaggi e climi differenti, dal deserto di Atacama, il piú secco del mondo, nell’estremo nord, fino ai ghiacciai della Patagonia al sud.

  • Nome Ufficiale: República de Chile
  • Festa nazionale: 18 Settembre, nel 1810 ottenne l’indipendenza
  • Religione ufficiale: Cattolicesimo
  • Lingua ufficiale: Spagnolo. Peró esistono altre lingue delle culture originarie: Aymara e Quechua (nella zona del nord e nell’altopiano), Mapundungun (dei Mapuche, popolo del sud in continua lotta) e il Rapa Nui (nell’isola di Pasqua)
  • Moneta ufficiale: Il peso cileno. Ci sono biglietti da $1.000, $2.000, $5.000, $10.000 e $20.000 mentre le monete sono di $1, $5, $10, $50, $100, $500. Le monete di 1 e 5 pesi non servono quasi a nulla, non ci si puó comprare nulla.
  • Forma di governo: Repubblica democratica
  • Presidente attuale: Sebastián Piñera

Di dati officiali ce ne sono molti peró io mi fermo qua per non annoiare troppo.