Feed RSS

Archivi tag: Letture

Santiago del Cile vista da otto caschi bianchi italiani

Questo libro non é molto recente, é importante dire che in questi ultimi anni il Cile é cambiato moltissimo. Peró puó essere interessante leggerlo per capire come sono andate le cose e come si sta sviluppando la societá cilena.

Micro-historias nasce dal desiderio di raccontare un’esperienza di Servizio Civile all’Estero che ha segnato decisamente le vite degli otto volontari. Le micro-storie di questo libro sono dei flash, delle immagini della Santiago che abbiamo vissuto per 10 mesi, dal novembre 2005 al settembre 2006.

È la nostra Santiago, quella di tutti i giorni, la capitale di un paese che durante questo periodo ha vissuto grandi cambiamenti: dall’elezione, per la prima volta nella storia del Cile, di una donna alla presidenza, allo smantellamento della più grande baraccopoli cilena; dagli scioperi della fame degli indios mapuche alle manifestazioni degli studenti delle scuole secondarie; dalle micros amarillas al Plan Transantiago, passaggio raccontatoci dai cantori urbani ed artisti di strada, dai venditori ambulanti o dagli stessi autisti di questi mezzi pubblici amati ed odiati al tempo stesso.

“[…]Sono gli ultimi, gli esclusi che qui a Santiago abbiamo incontrato tutti i giorni: sono i familiari dei desaparecidos che ancora cercano verità e giustizia, sono i Mapuche in sciopero della fame, sono gli abitante della toma o delle altre baraccopoli, i senza fissa dimora del mercato centrale, sono i bambini abusati, picchiati e stanchi, ma che continuano a sorridere. Sono i cantori di strada che lottano per esprimere liberamente la loro arte, i venditori ambulanti sugli autobus, gli obiettori di coscienza che ancora illegalmente fanno valere le loro convinzioni, sono i familiari delle vittime di Antuco[…]”

Tutto attraverso gli occhi di otto giovani italiani che, anche grazie al duro lavoro con le persone più bisognose e spesso nei quartieri più difficili della città, si sono avvicinati alla società cilena ed ai suoi movimenti sociali, potendo quindi descriverci direttamente la vera faccia del cosiddetto “giaguaro dell’America Latina”.

Fonte: www.peacelink.it

Patagonia express di Luís Sepulveda

Inserito il

Oggi vi consiglio un’altra lettura di viaggio. Questa volta é il turno di “Patagonia Express“, diario di viaggio di Luís Sepulveda in Patagonia.

Patagonia express

Luis Sepúlveda 
Guanda, 1999
€ 7,50

E’ da un po’ che ho in mente di leggere la più classica e celebre trilogia di scrittori patagonici, ovvero Coloane, Chatwin e Sepùlveda. Non ho sono ancora andata a visitare la Patagonia, ma è inutile rimarcare che la Patagonia è uno di quei (rari) luoghi del mondo “integri”, ancora incontaminati, selvaggi, duri, di confine, nei quali la civiltà umana non è ancora riuscita a imporsi – e a intaccarne la purezza primordiale…

Nella lettura di Luis Sepúlveda, scrittore cileno di Valparaiso, ogni tanto viene da chiudere gli occhi e lasciare che la parola rimanga come traccia per i pensieri.

Nei suoi libri, il viaggio rimane come punto di riferimento per spingere il lettore in un susseguirsi di emozioni che vanno al di là della pura e semplice immaginazione visionaria. Sepùlveda dona anche i sapori, gli odori, i rumori dei mondi che visita e nei viaggi che compie.

In Patagonia Express – la prima delle opere che ho letto – si può leggere un libro diviso in brevi capitoli che Sepùlveda ci fa intendere scritti su un bloc-notes (una “moleskine” peraltro consegnatagli da Chatwin, palese passaggio di consegne tra narratori dello stesso mondo) ricco di poetica e di suggestioni, soprattutto umane.

Emerge il ritratto di una comunità umana di frontiera, al margine della civiltà ma per ciò non certo emarginata dal corso della vita del pianeta, ed anzi in un certo senso capace, più che quella di altri paesi più avanzati, di recuperare e conservare una propria consapevolezza quotidiana, una più sentita percezione di sé nell’ambiente vissuto, in una sorta di riscoperta di un modus vivendi forse più primitivo, meno tecnologico, ma di contro più umano, nell’accezione più antropologica di tale aggettivo.

Ho letto di molti che, leggendo Patagonia Express come altre opere simili, hanno sentito l’irresistibile voglia di recarsi in Patagonia, e comprendo come letture del genere abbiano la forza di suscitare così forti suggestioni in chi le affronta. Patagonia Express è un libro delizioso, assai consigliabile e soprattutto a chi stia viaggiando. Già dalle prime righe, sarete catapultati in un mondo lontano, apparentemente (solo apparentemente) diverso.

Scopri l’isola di Chiloé con Isabel Allende

Inserito il

L’isola di Chiloe si trova al sud del Cile. É piena di leggente ed é molto misteriosa. Io ancora non l’ho visitata fisicamente ma sí la conosco molto bene dopo aver letto “Il quaderno di Maya” l’ultimo libro di Isabel Allende.

Chi non conosce la Allende, grande scrittrice che ha vissuto gran parte della sua vita in Cile, con alle spalle molti libri tutti meravigliosi. Sono una sua grande fan…e se vuoi scoprire un pó di piú sul Cile te la consiglio. Con la sua narrativa a portata di tutti ti lascia di stucco davanti alle sue intense storie.

Non é da meno quest’ultimo libro ambientato tra Las Vegas (il passato) e l’isola di Chiloé (il presente). Un’ intricata storia di una giovane ragazza adolescente di nome Maya, che racconta nel suo quaderno tutte le sue tortuose vicende.

Vista delle tipiche case palafitte di Chiloe

É un libro che parla dell’amicizia, dell’amore e del disamore. Uno sguardo tra gli angoli piú bui della nostra societá i quali sempre cerchiamo di non vedere ma sono sempre lí presenti. Ogni personaggio ci rivela una storia piena di dettagli che come sempre la Allende ci descrive pieni di sentimenti.

Da sfondo l’isola che con i suoi inverni duri ti accoglie con tanto calore, un calore che tutti i personaggi che la vivono sanno donare, forse non da subito ma man mano che si vanno conoscendo, alla fine non potrai dimenticarli.

Se vi interessa il libro si puó trovare in tutte le librerie. Io l’ho letto tutto d’un fiato durante le mie vacanze italiane e devo dire che mi é piaciuto molto, per questo ve lo consiglio vivamente.

Titolo: Il Quaderno di Maya
Autrice: Isabel Allende
Casa Editrice: Feltrinelli
Collana: I Narratori
Pagine: 400
Prezzo: 17,00€
Data di Pubblic: 30 novembre 2011